Banner AD1 M Crf

Fossano piange Silvana Allasia

È passata una settimana. Una settimana di dolore per la famiglia di Silvana Allasia, 47 anni, madre di due bambini, uccisa dal compagno a colpi di arma da fuoco nella casa in cui abitavano in via Verdi.

È passata una settimana. Una settimana di dolore per la famiglia di Silvana Allasia, 47 anni, madre di due bambini, uccisa dal compagno a colpi di arma da fuoco nella casa in cui abitavano in via Verdi. Una settimana in cui rabbia, dolore, preghiera si sono alternati. Un sentimento che ha pervaso l’intera città e in particolare parenti, amici e conoscenti della donna.
Intorno alle 15,30 di martedì scorso i due spari che hanno stroncato la vita di Silvana, anche se sulla dinamica del delitto sono ancora in corso le indagini da parte degli inquirenti.
L’assassino è il compagno della donna, Vitantonio Gioia (Antonello per amici e conoscenti), 53 anni, guardia giurata. Avrebbe sparato con la pistola di ordinanza. Secondo una prima ricostruzione, sarebbe poi stato lui stesso a chiamare i soccorsi, e a costituirsi. Inutili sono stati i tentativi del personale medico del 118 intervenuto. Sul posto anche i carabinieri della Compagnia di Fossano, coordinati dal comandante Danilo Barbabella, il comandante provinciale dell’arma, col. Flavio Magliocchetti e il sostituto procuratore della Repubblica Massimiliano Bolla. L’uomo, dopo essere stato ascoltato nella caserma di via Alba, è stato rinchiuso nel carcere di Cuneo dove si trova attualmente.
La notizia dell’assassinio ha fatto il giro della città. La famiglia Allasia è piuttosto conosciuta. I genitori di Silvana negli anni passati erano stati titolari della Cremeria di Cussanio.
Martedì scorso, sono immediatamente accorsi sul posto parenti e amici; tra questi anche don Derio Olivero, amico di Silvana (a lato il suo ricordo).
Silvana Allasia insegnava presso una scuola materna di Torino. “Siamo senza parole - commentano le colleghe della scuola di piazza Guala -. Era una donna solare, sempre sorridente, i bambini qui la chiamavano la farfalla, per il suo modo dolce di essere e rapportarsi. Sempre allegra”.
Oltre ai due figli, Silvana Allasia lascia la mamma Anna Campana e il padre Giuseppe, la sorella Agnese con il marito Gianpaolo e i nipoti Marco e Matteo.
Lunedì è stato effettuato l’esame autoptico, dopodiché il magistrato ha dato il via libera per le esequie. I funerali si terranno oggi, mercoledì 14 maggio alle 15 presso al chiesa dello Spirito Santo dove nei giorni scorsi è stato recitato il rosario. Martedì sera la preghiera presso la camera ardente dell’ospedale Santissima Trinità, dove è stata ricomposta la salma.
Intanto gli inquirenti sono al lavoro per ricostruire l’accaduto, la dinamica e il movente. Alla base del gesto, forse, la crisi della coppia ormai giunta al culmine. E probabilmente la decisione di Silvana di troncare il rapporto ormai logoro. Ma di tutto ciò si occuperà la magistratura. Ora resta il dolore.

Il dolore della famiglia

“In questi giorni tanto è stato detto e scritto, spesso con imprecisioni e notizie non vere. In questo momento così doloroso non servono parole, non intendiamo rilasciare alcuna dichiarazione in merito al tragico fatto occorso. Siamo sicuri che gli inquirenti sapranno svolgere con la massima accuratezza e precisione le indagini, abbiamo piena fiducia nella giustizia”. A parlare sono Agnese, la sorella di Silvana, e il marito Gianpaolo a nome di tutta la famiglia.
“La nostra unica priorità - aggiungono - è quella di tutelare, per quanto possibile, i due bambini, stando loro vicino. Tutte le nostre forze e la nostra capacità di amare sono rivolte a loro, due bambini che in un colpo solo hanno perso sia la mamma che il papà. Ringraziamo tutti coloro che in questi giorni ci sono stati vicini e che ci stanno facendo sentire il loro affetto. Ci auguriamo che nel momento in cui si tornerà alla vita di tutti i giorni venga usata molta delicatezza e rispetto nei confronti dei figli di Silvana, che hanno bisogno di poter crescere in un ambiente il più sereno possibile”. E continuano: “Sentiamo il dovere di ringraziare le forze dell’ordine e in particolare i caranieri della Stazione di Fossano, il personale del 118, per l’umanità e disponibilità dimostrata, così come la dottoressa Cogno e la dottoressa Ziccardi, la signora Adonella Fiorito dell’associazione Mai più sole, don Derio Olivero, don Ezio Bodino e don Marco Tomatis. Un grazie inoltre alla direttrice della scuola elementare Einaudi, Marisa Isoardi, al direttore della materna di Torino dove lavorava Silvana, Francesco Nota e alle colleghe, e a tutta la squadra e al direttivo del Salice calcio. La nostra eterna gratitudine va alla signora Zoubida, vicina di casa di Silvana, una mamma anche lei, che con grande coraggio è intervenuta tempestivamente, abbracciando i due bambini e portandoli al sicuro con sé a casa sua fino all’arrivo dei soccorsi”.

Il servizio completo su La Fedeltà di mercoledì 14 maggio 2014.