Il Papa: sono vicino ai cristiani perseguitati di Mossul

Nell'Angelus di domenica 20 luglio il Papa ha invitato a pregare per i cristiani perseguitati di Mossul e per la pace

Nell'Angelus di domenica 20 luglio il Papa ha invitato a pregare per i cristiani perseguitati di Mossul e per la pace, con particolare riferimento alla guerra nella striscia di Gaza e in Ucraina.

Queste le prime parole pronunciate all'Angelus: "Ho appreso con preoccupazione le notizie che giungono dalle Comunità cristiane a Mossul (Iraq) e in altre parti del Medio Oriente, dove esse, sin dall'inizio del cristianesimo, hanno vissuto con i loro concittadini offrendo un significativo contributo al bene della società. Oggi sono perseguitati. I nostri fratelli sono perseguitati, sono cacciati via, devono lasciare le loro case senza avere la possibilità di portare niente! Assicuro a queste famiglie e a queste persone la mia vicinanza e la mia costante preghiera. Carissimi fratelli e sorelle tanto perseguitati, io so quanto soffrite, io so che siete spogliati di tutto. Sono con voi nella fede in Colui che ha vinto il male". 

Ecco il video dell'appello.

Please accept preferences, statistics, marketing cookies to watch this video.