Titolo  “… perché nel ‘68 io c’ero”

Dopo aver rintracciato Ignazio, gli amici del ‘68 saviglianese rilanciano invitando amici e simpatizzanti dell’epoca a Bra dove ora vive, appunto, Ignazio

Si sono ritrovati dopo tanti anni, giunti dal Pinerolese, dalla Val Susa, dal Torinese, dalla Val d’Aosta e dal Braidese. Avevano vissuto insieme il ‘68, a Savigliano. “Ci siamo ritrovati con grande gioia e senza rimpianti, accolti dalla conviviale ospitalità dell’Osteria del Teatro” - racconta Beppe, citandoli tutti (Ignazio,  Guido, Gianni, Carlo, Salvo, Dana, Sigrid, Riti, Mari) gli amici giunti “come da una piccola diaspora”. Hanno ripercorso, con un po’ di nostalgia, i passi che all’epoca portavano in vari punti di ritrovo della città, dove hanno vissuto il loro impegno politco, civile e sociale. “È stato comune il constatare che quando l’impegno in positivo viene dal cuore è inestinguibile - commentano ancora -, come comune è stata la decisione di ritrovarci di nuovo, l'ultimo sabato di Gennaio 2016 a Bra, dove ora risiede il “ritrovato” Ignazio (rintracciato grazie a un appello de La Fedeltà - ndr)”. Chi vorrà aggregarsi “perché nel '68 io c'ero”, potrà inviare una mail a : “grhone@alice.it.

 

Il servizio completo su La Fedeltà di mercoledì 4 febbraio 2015