La suite 301 del “TownHouse Duomo 21” di Milano porta la firma di Genola

Realizzata dal Gruppo Alessandro Rosso, si affaccia sul Duomo di Milano

La suite 301 del “TownHouse Duomo 21”, il primo albergo di lusso situato in uno splendido palazzo d’epoca affacciato su piazza Duomo a Milano, porta la firma del “maestro del mobile” Gianni Fiorito di Genola. Artigiano cuneese, come preferisce definirsi perché è così che si sente, Fiorito, titolare di una azienda di arredamenti su misura, non ama apparire, né raccontarsi. Ma la notizia non passa inosservata.

Il suo nome figura tra quello di architetti e interior designer famosi a livello internazionale, chiamati dal Gruppo Alessandro Rosso, a firmare - ognuno secondo il proprio stile e designer - le 14 camere dell’hotel di lusso inaugurato al n.21 di piazza Duomo.

La notizia è stata diffusa dalle testate nazionali quale “La Repubblica”, “Il sole 24 ore” che alle 14 suite dedicano articolo e gallerie fotografiche. L’albergo fa parte del Gruppo Alessandro Rosso, noto per aver aperto, nel 2007 all’interno della Galleria Vittorio Emanuele, SevenStars, il primo albergo a sette stelle presente in Europa, a cui partecipò già il genolese Fiorito. Anche il “TownHouse Duomo 21” sorge nel salotto buono di Milano, ma in questo caso 12 suites godono della vista della “Madonnina” che si può ammirare da un balconcino privato.

L'articolo su La Fedeltà in edicola mercoledì 25 marzo