Redditi bassi, intesa sindacato-Comune. Previsto un fondo da 25 mila euro

Verrà accantonato nel bilancio di previsione per garantire agevolazioni o esenzioni fiscali su addizionale Irpef e Tasi per chi ha redditi Isee inferiori a una determinata soglia

Un fondo di 25 mila euro verrà accantonato nel bilancio 2016 per garantire agevolazioni fiscali ai fossanesi a basso reddito. La somma è stata concordata in un accordo di massima tra sindacati e Comune. L’ipotesi - che dovrà ancora essere sottoposta al parere della Commissione finanze e all’approvazione del Consiglio comunale e della Giunta - è di utilizzarla per l’esenzione totale o parziale dell’addizionale Irpef e della Tari. Non è ancora stabilito il tetto di reddito Isee al di sotto del quale scatterà il beneficio. I sindacati propongono di fissare l’asticella a 17 mila euro, elevata a 18 mila per i nuclei composti da una sola persona. Complessivamente, il fondo impegna un quarto dell’accantonamento che la Giunta aveva annunciato per sostenere i lavoratori Michelin in caso di fallimento della trattativa sul ricollocamento degli esuberi. Nel prossimo Consiglio comunale - quello del 22 dicembre - si capirà se e come l’Amministrazione comunale intende utilizzare gli altri 75 mila euro, una volta rientrata la crisi Michelin.

Su "La Fedeltà" di mercoledì 23 dicembre