Il Vallauri dice addio all’amianto

Intervento di bonifica nell'istituto fossanese: saranno rimossi residui risalenti agli anni Sessanta e Settanta

foto di repertorio

L’istituto Vallauri di Fossano dirà addio ai residui di amianto – risalenti agli anni Sessanta e Settanta – che sono presenti in una parte della struttura. La bonifica si inserirà in un intervento più ampio, che riguarderà anche il risparmio energetico: si lavorerà su infissi finestrati e serramenti della struttura per migliorarne l’isolamento termico.

Dà notizia dell'intervento per la rimozione dell'amianto la Provincia di Cuneo, che è proprietaria dei locali di via San Michele all’interno dei quali è ospitata la scuola superiore. “L’intervento nella sede dell’Istituto tecnico industriale di Fossano - si legge in una nota - è stato appaltato nelle scorse settimane alla ditta Avalis costruzioni di Bagnolo Piemonte. I lavori, per una somma totale di 512.619 euro, sono stati affidati con un ribasso a base d’asta del 31,54%”. Il cantiere sarà aperto nel 2016.

I residui di amianto sono presenti in un pavimento, che sarà bonificato. Un intervento di “adeguamento normativo”, come spiegano dalla provincia: oggi studenti, docenti e personale scolastico non corrono alcun rischio per la presenza dell’amianto, che costituisce una minaccia soltanto quando si deteriora. “Sono già state effettuate varie perizie, che hanno fornito parere tranquillizzante, escludendo pericoli per la salute”, riferiscono dal Vallauri.

Un ulteriore passo in avanti per la sicurezza dell’edificio sarà comunque compiuto con i lavori in programma per il nuovo anno. “Abbiamo apprezzato - commenta Paolo Cortese, dirigente scolastico - la buona collaborazione con l’ente proprietario, che si è reso parte diligente per rendere l’edificio all’altezza delle norme più elevate per quanto riguarda la sicurezza e la vivibilità dei locali”.