Villa Caterina, una casa per famiglie nel cuore di Bordighera

Gestita dal Cif (Centro italiano femminile) di Fossano, consente di trascorrere al mare un momento di relax sia nei periodi estivi che in quelli invernali

 

Lungo corso Italia, la via centrale di Bordighera affiancata da alte palme, punteggiata di mandarini e limoni e ravvivata da una splendida fioritura di rampicanti, spicca l’insegna di Villa Caterina, la “casa per ferie” del Cif di Fossano.

Villa Caterina è stata sempre molto ambita e per accontentare tutti, negli Anni 60, le dirigenti del Cif dovettero fissare, per regolamento, una permanenza massima di 30 giorni a persona. “C’era chi era disposto a pagare la stessa cifra che avrebbe pagato al Grand Hotel pur di poter restare qui tutta l’estate - ci racconta Rita - una testimone dell’epoca, che svolge il suo turno di volontariato nella casa. Negli ultimi anni, tuttavia, anche Villa Caterina ha dovuto fare i conti con la crisi economica. D’estate continua sempre a fare il tutto esaurito: famiglie con bambini, anziani soli o in coppia, persone di mezza età si contendono i posti disponibili prenotando con largo anticipo. Sono invece diminuiti gli ospiti nei mesi invernali e primaverili. Un vero peccato, perché Bordighera è famosa soprattutto per il suo clima invernale: mentre gran parte della Liguria è molto ventilata, la zona di Ponente, da questo punto di vista, è particolarmente protetta. I mesi di gennaio, febbraio, marzo, aprile regalano molte ore di sole: l’ideale per tranquille passeggiate sul lungomare. Inoltre questa casa per ferie si contraddistingue da un normale albergo per il clima che si respira. Un clima famigliare, in cui anche l’ospite che arriva solo si sente accolto; in cui ci sono spazi comuni vissuti; in cui si guarda la tivù insieme e la si commenta; il mattino a colazione il commento prosegue da un tavolo all’altro.