La Latte Alberti venderà con il marchio “Valle Stura”

Accordo storico tra l’azienda imperiese (che ritira il latte nel Fossanese) e il caseificio cooperativo Valle Stura; l’azienda di Imperia  ha aqcuistato il marchio della cooperativa che continuerrà a produrre prodotti dolciari

Un accordo storico anche perché atipico: per la prima volta, a fare sinergia, sono due aziende che provengono da mondi considerati distinti: la realtà industriale e quella cooperativa. Giovedì scorso 28 gennaio la Latte Alberti di Imperia (che ha anche uno stabilimento a Genola per la produzione del Grana padano e che ha, tra i fornitori, parecchie aziende agricole del Fossanese) ha siglato un accordo con il caseificio Valle Stura di Demonte.

L’industria imperiese ha acquisito uno dei rami d’azienda della Valle stura: il latte alimentare con relativo marchio.

La Valle Stura punterà, d’ora in poi, esclusivamente sulla produzione di prodotti dolciari (gelati, creme e panna), un settore su cui, negli ultimi anni, aveva concentrato tutti gli investimenti.

La valorizzazione del prodotto cuneese (con la garanzia sull’origine della materia prima) dovrebbe rappresentare un punto di forza per la zootecnica della Granda (anche in termini di forza contrattuale). Non a caso questa è una delle richieste che da sempre fa il mondo agricolo, a fronte di aziende trasformatrici che si riforniscono all’estero e non esplicitano l’origine della materia prima.