Il ministero degli Interni dà l’ok a Operti consigliera

In risposta alla richiesta dell’Amministrazione Bozzano 

Il Consiglio dei ministri ha dichiarato “insussistente” l’incompatibilità di Donatella Operti come consigliera comunale, pur avendo la stessa presentato ricorso alla Commissione tributaria provinciale per un pagamento Imu sulla sua abitazione.

La verifica di incompatibilità era stata presentata nel mese di ottobre dall’Amministrazione Bozzano al Prefetto. Secondo il Comune, la presentazione del ricorso da parte di un amministratore comunale poteva risultare incompatibile con il ruolo che ricopre (DLgs 267/2000). Ma lo stesso decreto all’articolo richiamato dall’Amministrazione comunale (articolo 63, comma 4) specifica che: “...La pendenza di una lite in materia tributaria non determina incompatibilità...”, come confermato dalla stessa Prefettura, secondo una lettera inviata al Comune. Il Prefetto comunque demandò tutto al ministero degli Interni che con questa dichiarazione ha sciolto qualsiasi dubbio.

La richiesta di verifica scatenò una battaglia tra il sindaco Bozzano e il capogruppo di minoranza Operti, che lo accusò di volerla escludere dal Consiglio. 

La questione si è conclusa con il parere del ministero a favore della consigliera Operti, di cui lo stesso sindaco ha dato comunicazione alla fine della seduta dell’ultimo Consiglio comunale.