Crf-H1-M-728x90 OK

Fossano si veste a festa per San Giovenale

Sabato l’apertura della teca delle reliquie, domenica la processione e l’esposizione dei quadri dei benefattori, lunedì la fiera

La città di Fossano si veste a festa per celebrare il santo Patrono, San Giovenale. Come da tradizione la festa cade la prima domenica del mese di maggio, che quest’anno coincide proprio con il primo maggio, festa dei lavoratori. Mercoledì sera al castello un’anteprima di festa con un convegno legato alla tradizione secolare, tutta fossanese, di esporre i ritratti dei benefattori cittadini lungo le vie della città nella domenica della festa patronale. Sono intervenuti il giornalista Gian Mario Ricciardi, il sociologo Gino Grosso e lo storico Carlo Morra.

Da sabato si entra nel vivo del programma religioso con l’apertura della teca di San Giovenale e la consegna delle chiavi di sabato pomeriggio (in cattedrale alle 17). Dal Duomo ci si sposterà in processione alla chiesa della Santissima Trinità trasportando la teca che contiene le reliquie del santo, e alle 17,45 durante la preghiera dei vespri verrà eletto il nuovo rettore della Compagnia di San Giovenale (la scelta quest’anno è ricaduta su Assunta Bruno, una vita dedicata alla missione e all’animazione missionaria). Alle 18,30 la messa celebrata dal vicario generale.

Dalla monumentale chiesa opera di Francesco Gallo riprenderanno le celebrazioni della domenica. Alle 10 il ritrovo e la partenza in processione verso la Cattedrale con la statua che raffigura il santo sormontata dal busto in argento che ne contiene le reliquie. In Cattedrale il primo cittadino accenderà la lampada votiva di fronte all’altare dedicato al vescovo di Narni, poi la solenne messa pontificale presieduta da mons. Piero Delbosco e al termine la processione per le vie della città. Ancora momenti di preghiera alle 17 con i vespri (guidati dai religiosi) e la messa alle 18 celebrata dal parroco del Duomo, mentre lunedì mattina la messa in ricordo dei defunti della Compagnia di San Giovenale e alle 18 quella in memoria degli amministratori comunali.

Questo per quanto riguarda il programma religioso al quale si aggiungono gli appuntamenti che fanno da cornice alla festa, come il grande concerto della banda cittadina Arrigo Boito, sul sagrato della cattedrale sabato 30 aprile alle 21, la fiera di San Giovenale di lunedì e il luna park attivo in piazza d’Armi