Emergenza Casa: il Comune sostiene il progetto Caritas

L’amministrazione comunale ha deliberato il co-finanziamento del programma della Fondazione Crc contrbuendo con 3.000 euro alle spese di gestione del dormitorio e degli alloggi di pronta accoglienza 

Il Comune di Fossano ha deciso di aderire al programma “Emergenza povertà” della Fondazione Cassa di risparmio di Cuneo, sostenendo le spese di gestione (3.000 euro) del progetto della Caritas che punta alla creazione di un Centro di accoglienza per senzatetto e alla realizzazione di tre alloggi per famiglie sfrattate.

“Attualmente il Comune di Fossano non dispone di alloggi per rispondere ai casi di emergenza - spiega l’assessore Cristina Ballario -; cerchiamo di rispondere alle esigenze sempre più impellenti attraverso un intenso lavoro di rete che vede coinvolti i nostri Uffici, il Consorzio Monviso solidale e le associazioni attive sul territorio. Ma con la crisi economica che non accenna a diminuire e l’aumentare dei casi di sfratto anche questa attività, per quanto svolta con impegno e abnegazione (e di questo ringrazio in particolare la nostra referente Marianna) in assenza di alloggi per l’emergenza abitativa diventa difficile risolvere tante situazioni che si presentano tutte contemporaneamente. Per questo non possiamo che ringraziare la Caritas e la famiglia che ha messo a disposizione l’edificio di via Matteotti; si tratta di una vera e propria boccata d’ossigeno per l’«emergenza casa» che sta vivendo la città.

Per questo abbiamo partecipato come partner della Caritas al bando della Fondazione Crc, deliberando di sostenere il progetto Povertà 2016 con un co-finanziamento di 3.000 euro per le spese di gestione degli alloggi di pronta accoglienza delle famiglie sfrattate e del dormitorio”.