Centallo: conti in pari al San Camillo se non ci fosse il vecchio debito

Anche il bilancio 2015 chiude in equilibrio ma il passato continua a pesare come un macigno

Se non ci fossero i vecchi debiti, il San Camillo si reggerebbe sulle proprie gambe. Quel che era vero per il 2014 (primo anno chiuso in pareggio, dopo tanti esercizi in rosso) vale anche per il 2015, come dimostrano i numeri del bilancio consuntivo pubblicati con delibera del 30 maggio. Anzi, entrate e uscite dell’anno appena passato registrano addirittura una differenza positiva di 1.810 euro. Purtroppo, però, c’è il peso del passato a ricordare che il cammino verso il risanamento è ancora lungo e dovrà scalare una rimanenza passiva che al 31 dicembre 2015 si attesta su 411 mila euro.

Articolo completo su "La Fedeltà" di mercoledì 15 giugno