Le voci di Vocalmente si stringono attorno alle vittime del terremoto

Ieri sera il doppio concerto di inaugurazione della terza edizione del festival fossanese

La musica, il canto, la coralità non sono soltanto espressione di festa e di gioia, ma possono essere veicolo di solidarietà, ricordo, occasione per stringersi in un abbraccio. Vocalmente, il festival internazionale di musica a cappella che si è aperto ieri a Fossano, ha voluto ricordare le vittime del terremoto del centro Italia, le persone che hanno perso la vita, chi ha perso casa e affetti, in questa terribile catastrofe. Lo hanno fatto gli artisti sul palco e lo hanno fatto nel loro saluto iniziale, il presidente della Fondazione Fossano Musica, Gianni Menardi, insieme al sindaco di Fossano Davide Sordella e all’ex presidente della Fondazione Crf, Antonio Miglio, uno dei fondatori della FFM. Per dare un segno tangibile e concreto della vicinanza dei fossanesi e della “famiglia di Vocalmente” è stata aperta una raccolta di fondi che durerà per i giorni del festival e che sarà destinata ad uno dei comuni colpiti dal sisma, con i quali è già stato stabilito un contatto direttamente con il primo cittadino. Ieri primo giorno del festival è stata anche il giorno dell’arrivo in città degli oltre 100 partecipanti al camp con gli Swingles, provenienti da tutta Europa. Da tutto il mondo arrivano anche gli artisti che si esibiranno in questi giorni nel cortile del castello degli Acaja, e sul palco del teatro I Portici nei concerti serali. Ad aprire i concerti i padroni di casa, i Voxes che hanno festeggiato “in casa” i loro primi 10 anni di attività, una crescita costante e un’esperienza che nel tempo è maturata e si è affinata. Co-protagonisti della serata di ieri, nel fossato del castello che ha fatto il tutto esaurito di pubblico, i canadesi Countermeasure, che hanno incantato con il loro show, classe, simpatia, grande presenza scenica e un impasto vocale straordinario che è passato dal pop alle atmosfere swing e soul. Inizio davvero spettacolare. Oggi si prosegue con il camp, con i concerti del pomeriggio al castello (alle 18,15 FFM Vocal Ensemble, alle 19 Six Sound Singers) e poi alle 21 il primo grande concerto a I Portici con gli attesi Slixs. E poi, in via Roma gli show improvvisati nei singer’s corners, e dopo lo show serale la festa continua nel cortile del castello con jam session fino a tarda notte.