“Vendere non sarà facile. Ma non lasceremo il sito al degrado”

Massimo Mereta, nuovo direttore della Michelin di Fossano, illustra i passi che la multinazionale francese intendere compiere per garantire uno sganciamento morbido da Fossano

Ha “pilotato” da Torino l’accordo per la ricollocazione dei dipendenti di Fossano, in vista della chiusura del sito di Cussanio, nella veste di responsabile della gestione del personale di Michelin Italia. Ora, dal 1° settembre, ne segue l’attuazione sul campo, nel nuovo ruolo di direttore di stabilimento (al posto di Roberto Bresciano). Massimo Mereta, 30 anni in Michelin, ci accoglie nel suo nuovo-vecchio ufficio (era già stato direttore a Fossano dal 2007 al 2011), per rispondere alle nostre domande sul futuro del sito e sui passi che la multinazionale francese sta compiendo per assicurare uno sganciamento “morbido” dalla città che la ospita dal lontano 1971.

Intervista su "La Fedeltà" di mercoledì 19 ottobre