Si dimette Gino Panero, vicepresidente della Pro loco di Sant’Albano

Rappresentava la colonna portante del giovane gruppo, punto di riferimento, consigliere e tuttofare

Sono datate sabato 15 ottobre le dimissioni di Luigi (Gino) Panero  dalla vicepresidenza della Pro loco di Sant’Albano. Dura la lettera consegnata nelle mani del giovane presidente Marco Tomatis. “I ragazzi della Pro loco si sono dimostrati troppo giovani per condividere le mie idee di cambiamento, la mia energia e voglia di fare. Sono fiero di ciò che ho fatto, e credo che se tutti avessimo fatto la nostra parte avremmo potuto tutti insieme lavorare divertendoci per offrire nuove occasioni di aggregazione al paese, ma così non è stato”.

Non replica il presidente della Pro loco Marco Tomatis: “Posso solo dire che mi dispiace. La volontà della maggioranza è di proseguire puntando per ora tutto sulla Fiera di marzo; per quanto riguarda Natale non so ancora se organizzeremo qualcosa. A nostro discapito posso dire che la Pro loco è formata da volontari e ognuno fa quello che può anche in base al lavoro e agli impegni”. 

Che qualcosa scricchiolasse tra i ragazzi della Pro loco - costituita ex novo nel mese di maggio da quasi tutti giovanissimi (l’età media è di 23 anni) -, e Gino Panero, considerato il padre putativo con un’esperienza alle spalle, era nell’aria fin dai giorni della festa di San Liberato, nonostante l’apparente successo degli appuntamenti messi in calendario. 

Articolo su La Fedeltà in edicola mercoledì 26 ottobre