Crf-H1-M-728x90 OK

Protezione internazionale: raddoppiate le richieste in Europa, in Italia +30%

Presentata la terza edizione del Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2016

Nel mondo, nel corso del 2015, sono state costrette a fuggire dalle loro case circa 35mila persone al giorno: in media 24 persone al minuto. Si tratta di 65,3 milioni di migranti forzati, il numero più alto dalla seconda guerra mondiale ad oggi. Le cause sono i 35 conflitti e 17 situazioni di crisi presenti nel mondo, le disuguaglianze economiche, nell’accesso al cibo e all’acqua, il fenomeno del land grabbing e l’instabilità creata dagli attentati terroristici. Il Paese che ospita più rifugiati è la Turchia, con 2,5 milioni di persone accolte, seguita dal Pakistan (1,6 milioni) e dal Libano (1,1 milione). La Siria è il primo Paese di origine con 4,9 milioni di rifugiati. Sono i dati che fanno da sfondo alla terza edizione del Rapporto sulla protezione internazionale in Italia 2016, presentato oggi a Roma da Anci (Associazione nazionale comuni italiani), Caritas italiana, Fondazione Migrantes, Cittalia e Servizio centrale dello Sprar, in collaborazione con Unhcr. Il volume fotografa, in 290 pagine, la situazione mondiale, europea ed italiana, con un particolare focus sul tema della salute mentale dei migranti. Gli operatori del settore hanno infatti riscontrato “un aumento di richieste di ricoveri e cure psichiatriche da parte di migranti con vissuti di psicotraumatologia e talvolta di emarginazione sociale precedenti la migrazione”. La risposta dei servizi sanitari italiani “appare difficoltosa”, per cui si auspica “la crescita e maturazione complessiva” di tutte le strutture coinvolte.

Arrivi e richieste di protezione internazionale in Europa. Le rotte verso l’Europa, soprattutto quella del Mediterraneo orientale o rotta balcanica, hanno visto nel 2015 numeri 16 volte maggiori rispetto al 2014, con 885mila persone transitate dalla Turchia verso la Grecia. In totale sono stati 1.822.337 i passaggi illegali dalla frontiera esterna. Di conseguenza...

Continua a leggere...