Scafista somalo arrestato a Fossano

Faceva parte di una banda di trafficanti di esseri umani: rintracciato a casa di parenti

Uno scafista arrestato a Fossano. I carabinieri hanno fermato, a casa di parenti, un somalo di 35 anni su cui pendeva una condanna emessa dal Tribunale di Catania per associazione a delinquere, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e falsità dei documenti. E' ritenuto uno dei componenti di una banda di trafficanti di esseri umani individuata nel 2013 dopo uno sbarco di profughi a Pozzallo.

"In quella circostanza - spiegano i Carabinieri -, il somalo era stato individuato come scafista di un gruppo di profughi sbarcato con una imbarcazione di fortuna ed era stato arrestato poco dopo l'arrivo sulle nostre coste. E' stato accertato che l’associazione criminale di cui faceva parte creava documentazione contraffatta per permettere a cittadini africani di entrare irregolarmente in Italia ottenendo lo status di rifugiato politico".

L'arrestato si trova ora nel carcere di Cuneo. Deve scontare quattro anni e dieci mesi.