Tragedia alla stazione di Trinità: donna viene travolta da un treno in corsa

La vittima Angelica Rotaru, 43 anni, originaria della Romania abitava da oltre dieci anni a Trinità

Doveva presentarsi a Fossano a una visita medica. Venerdì mattina si è recata alla stazione Trinità-Bene Vagienna munita di biglietto per prendere il treno delle 9,31. Ma su quel treno non ci salirà mai. Angelica Rotaru, 43 anni, è stata travolta dal treno in corsa, il regionale diretto a Ventimiglia che attraversa a forte velocità la stazione senza fare fermata. Da una prima ricostruzione sembrava che la donna, nell'ansia di non perdere il convoglio diretto per Fossano avesse attraversato i binari anziché avvalersi del sovrappasso. Ma dallo sviluppo di nuove indagini la donna potrebbe essere stata risucchiata dalla violenza del treno mentre sostava sul marciapiede.

Di certo Angelica su quei binari ha fatto il suo ultimo viaggio. La notizia della sua morte ha destato profondo cordoglio a Trinità dove Angelica, originaria della Romania, viveva da oltre dieci anni con la famiglia.

"Era una donna sempre sorridente, una famiglia ben inserita che conoscevamo tutti - così la ricorda la prima cittadina Ernesta Zucco -. Faceva lavori saltuari nelle famiglie e si faceva voler bene da tutti. Un vero dramma per la comunità e per questa famiglia lontana dal suo Paese d'origine. L'ho passato e so cosa vuol dire perdere qualcuno all'improvviso. Sono vicina al marito e ai figli".

"Un'amica sempre sorridente a cui volevamo molto bene - la ricorda Lucia Panero -. Da poco aveva traslocato con il marito e il figlio (che studia alle superiori) nella nuova casa ed era molto felice. Ci mancherà".

I funerali saranno celebrati giovedì 19 gennaio alle 10 nella chiesa parrocchiale di Trinità

Al marito Dorin, al figlio Marius e alla sua famiglia le più affettuose condoglianze da La Fedeltà.