Fondazione Crc, “Bando distruzione”

Previsti, nel programma operativo 2017, 150mila euro per eliminare o mimetizzare brutture paesaggistiche

Leggete il Programma operativo per il 2017 della Fondazione Cassa di risparmio di Cuneo: a pagina 23 trovate il “Bando distruzione”. Una voce che di certo non lascia indifferenti, soprattutto perché le Fondazioni bancarie generalmente destinano risorse per recuperare edifici minacciati dal degrado, e non certo per abbattere: non a caso, proprio su questo tema il presidente dell’ente Giandomenico Genta è stato intervistato dal Tg3.

Ma di che cosa si tratta? Il Bando distruzione è dedicato alla “riqualificazione ecologica ed ambientale dei centri storici”: la Fondazione Crc mette a disposizione delle risorse per enti ed associazioni no profit che vogliano abbattere o mimetizzare una bruttura che comprometta la bellezza di un paesaggio. Si tratta, in altre parole, di un intervento che punta a valorizzare ulteriormente i territori del Cuneese, eliminando quegli elementi che possano rappresentare un pugno negli occhi di chi guarda.

Il Bando distruzione sarà pubblicato soltanto nella primavera: bisogna quindi attendere alcuni mesi perché si possano conoscere, nel dettaglio, le condizioni che permettono di intervenire per “distruggere”. La Fondazione Crc potrà valutare, a sua volta, la risposta di enti ed associazioni che possano essere interessati: come spiegano dall’ente cuneese, si tratta di una proposta sperimentale, che dev’essere verificata “sul campo”.

Intanto, però, per questa voce del Programma sono previsti 150mila euro. Che dire? Se son rose, fioriranno; se sono erbacce, potranno essere... “distrutte”.