Due container da Fossano ad Amatrice

Donati dalla Michelin, potranno essere usati come abitazioni da famiglie terremotate

Da Fossano ad Amatrice con un camion e un pick-up, per portare nel Comune della provincia laziale due container che possono essere usati come abitazioni, generi alimentari e abiti. I container sono stati donati dalla Michelin di Fossano, una realtà che, com’è noto, sta per scomparire (la multinazionale francese ha deciso la chiusura dello stabilimento collocato nella città degli Acaja); l’operazione è stata coordinata dalla Protezione civile di Fossano, i cui volontari hanno viaggiato a bordo del pick-up che ha seguito i container (il trasporto di questi ultimi è stato a carico dell’Amministrazione comunale di Fossano). Il trasferimento è avvenuto nei giorni scorsi.

Finora impiegati l’uno come ufficio di reparto per le riunioni e l’altro come spogliatoio femminile, i due container “offrono spazi più ampi di una roulotte e una migliore coibentazione, insomma danno un’idea di casa”, come spiega Paolo Cavallo, coordinatore della Protezione civile fossanese: possono quindi essere destinati a famiglie che non hanno più un tetto a causa del terremoto. È inoltre possibile allacciare i container alle reti elettrica fognaria e idraulica, e in uno di essi sono presenti anche i servizi igienici; c’è spazio, all’interno, per brandine, sedie e tavoli -  insomma quanto è necessario alla vita quotidiana. Non appena si riuscirà a preparare, nel territorio devastato di Amatrice, un’area livellata che possa accoglierli, i container saranno pronti per l’uso.

Servizio completo su "la Fedeltà" in edicola.