Accogliere chi arriva dal mare si può. Trinità esempio da copiare

I ragazzi sono impegnati in lavori sul territorio, fanno volontariato in biblioteca, collaborano in Comune.Da ottobre un gruppo di volontari organizza un corso di italiano

I 29 ragazzi ospiti del bed and breakfast “Dimora castello” di Trinità sono impegnati in lavori socialmente utili, affiancano i cantonieri, collaborano in biblioteca. Alcuni hanno stretto amicizia con famiglie trinitesi; c'è poi chi è proprio di casa in Comune, sempre pronto a offrire le sue braccia; altri frequentano la scuola media a Cuneo; qualcuno gioca a pallone, uno di loro milita nella squadra del Morozzo... Un’esperienza di “contaminazione” riuscita, capace di far vedere questi giovani non come “stranieri”,  ma come persone.

Da alcuni mesi un gruppo spontaneo di volontari, su richiesta dei ragazzi, organizza un corso di italiano. Occasione per alcuni per fare conversazione e approfondire la conoscenza della lingua, per chi invece frequenta la scuola media per fare compiti e studiare.

L’incontro è incentrato prevalentemente sulla conoscenza della lingua italiana - spiega una volontaria -, non parliamo molto della loro situazione. L’importante è che sappiano che ci siamo e che possono contare su di noi".

Articolo su La Fedeltà in edicola mercoledì 22 febbraio