Rette in aumento alla Casa di riposo di Bene

Il problema riguarda gli ospiti non autosufficienti: "Ma con la convenzione il 50% sarà coperto dall'Asl"

Le rette dei non autosufficienti sono cresciute, e gli aumenti raggiungerebbero i 600 euro. È la denuncia dei familiari di alcuni ospiti che si trovano nella Casa di riposo di Bene Vagienna. Il tutto dopo il passaggio a un nuovo gestore - la cooperativa San Pio -, che è avvenuto in concomitanza con l’inaugurazione del nuovo Soggiorno per anziani, dove i degenti - finora accolti nel castello della città, struttura inadatta per questa funzione - saranno trasferiti in breve, forse all’inizio di aprile.

È prevista la possibilità di attivare, sempre per i non autosufficienti, una convenzione con l'Asl, che coprirebbe il 50% della retta: lo assicura il nuovo gestore, Paolo Spolaore. Conferma il sindaco di Bene Vagienna, Claudio Ambrogio, che però non nasconde il suo malumore: "Serviranno alcuni mesi perché l'iter sia portato a termine, bisognava muoversi prima".

Servizio completo su "la Fedeltà" in edicola a partire da mercoledì 22 marzo.