25 Aprile: Fossano intitola una via a Domenico Quaranta

Giovane partigiano, venne ucciso dai tedeschi nel 1945

Sarà un 25 Aprile - 72° anniversario della Liberazione - con qualche piccola novità nel programma dei festeggiamenti fossanesi. La cerimonia sarà infatti spostata dal Monumento ai Caduti di largo degli Eroi a quello alla Resistenza di piazza Romanisio, dove confluirà il corteo in arrivo dalla messa delle 10,30 in Cattedrale e dove si terranno l’alzabandiera e la deposizione delle corone di alloro. Il “cambio di monumento” sarà funzionale anche alla seconda parte della cerimonia, che si svolgerà all’ex Foro boario con l’intitolazione di una delle nuove vie nate con la trasformazione del quartiere a Domenico Quaranta, giovane partigiano fossanese morto il 19 marzo 1945. 

Cadde in un’imboscata tedesca nel Comune di Bernezzo. In un fienile di Prato Francia, i tedeschi circondarono e incendiarono il fienile dove, con altri compagni, si era riparato dopo i combattimenti del giorni precedente. Uscito dal fienile con il vestito in fiamme, Domenico Quaranta  venne ucciso, crivellato dalle raffiche dei mitra. La strada che prenderà il suo nome corre di fianco all’abitazione in cui viveva con la famiglia. Parteciperà alla manifestazione anche la filarmonica “Arrigo Boito”.

Il pomeriggio precedente - lunedì 24 aprile, a partire dalle 14, - si terrà il tradizionale infioramento dei cippi e delle lapidi dei caduti partigiani presenti sul territorio fossanese, con ritrovo in piazza Milite Ignoto.

Su "La Fedeltà" di mercoledì 12 aprile