Malore in carcere, soccorso dagli agenti

Al Santa Caterina di Fossano - Vittima un 70enne, trasportato nell'ospedale di Cuneo

Nei giorni scorsi, un detenuto italiano di circa 70 anni, condannato per reati contro il patrimonio, si è sentito male. È stato soccorso dagli agenti della Polizia penitenziaria, che hanno avvisato il 118: l’uomo è stato trasportato all’ospedale di Cuneo. È successo nella Casa di reclusione Santa Caterina di Fossano.

A darne notizia è l’Osapp (Organizzazione sindacale autonoma Polizia penitenziaria). Dice il segretario generale, Leo Beneduci: “Si tratta dell’ennesimo episodio in cui è stato possibile salvare in extremis una vita umana grazie all’intervento tempestivo della Polizia penitenziaria, nonostante la carenza di personale e il carico di lavoro sproporzionato rispetto alle reali esigenze dell’istituto. Il nostro sistema penitenziario, ormai al collasso, con l’Amministrazione che sostiene esattamente il contrario di quanto denunciano le sigle sindacali, si salva con il lavoro e il sacrificio degli agenti quotidianamente impiegati in un contesto difficile com’è quello carcerario”.