Centallo commemora Maria Isoardo

Uno spettacolo al Nuovo Lux e la posa del “Fiore del Centenario davanti alla casa natale chiudono le celebrazioni per il centenario della nascita di Maria Isoardo, la maestra coraggio uccisa nel 1944 da un soldato dell’esercito tedesco 

A tre giorni di distanza da quello che sarebbe stato il suo compleanno (era nata il 12 giugno 1917), Centallo viva chiuderà venerdì 9 giugno le celebrazioni per i 100 anni di Maria Isoardo. L’evento avrà inizio alle 20 con l’omaggio alla tomba nel cimitero di Centallo. Seguirà alle 20,30 la celebrazione in chiesa con esecuzioni del coro parrocchiale “Canto Nuovo”. Alle 21 il corteo si porterà davanti alla casa natale di Maria Isoardo, dove verrà apposto il “Fiore del Centenario”. La serata continuerà alle 21,30 al Nuovo Lux dove andrà in scena “Il vento e la bambina”, pièce del Centenario scritta per l’occasione da Chiara Giordanengo e presentata dall’Accademia teatrale Giovanni Toselli di Cuneo con esecuzioni del coro lirico Checco Bossi. Lo spettacolo sarà ad ingresso libero con omaggio agli intervenuti della pubblicazione “L’intervista impossibile” realizzata da Fiorenza Barbero per conto di Centallo viva. 

Articolo completo su "La Fedeltà" di mercoledì 7 giugno