A Centallo e frazioni l’acqua è di nuovo potabile

Revocata l'ordinanza che imponeva la bollitura. In seguito alle nuove analisi dell'Asl l'acqua della rete idrica è risultata "nuovamente conforme ai limiti di legge".

Allarme cessato per l'acquedotto di Centallo. Da oggi - mercoledì 13 settembre - si può tornare a bere l'acqua senza doverla bollire. Le nuove analisi dell'Asl, effettuate lunedì mattina, hanno infatti verificato che i valori sono di nuovo conformi ai limiti di legge. E il sindaco ha potuto revocare l'ordinanza di venerdì 8 settembre, che imponeva la bollitura preventiva a scopo precauzionale.

Il campione d’acqua inquinato era stato prelevato il 31 agosto alla fontana di piazza Vittorio Emanuele nell’ambito di un controllo periodico. I valori non conformi riguardavano la presenza di batteri coliformi, "la cui crescita - ci aveva riferito Sebastiano Blancato, responsabile del Servizio di igiene dell'Asl - è stata probabilmente provocata dalle alte temperature di questi mesi". Ma - aveva aggiunto - i valori riscontrati sono molto bassi”. 

In attesa delle controanalisi dell'Asl, l’Acda (ente gestore dell’acquedotto) aveva provveduto a un intervento di pulizia e disinfestazione e, successivamente, a un controllo di due campioni - uno alla fontana di piazza Vittorio Emanuele, l’altro a quella del parco di Aia Grande - secondo i quali i valori microbiologici erano già rientrati nel limite di conformità.

Per la revoca dell’ordinanza è stato necessario, tuttavia, il benestare dell’Asl.