Crf-H1-M-728x90 OK

La foto di Luca Borgoni depositata a 8.000 metri sulla vetta del Dhaulagiri

Gli amici Cala e Matthias hanno realizzato il sogno dell’amico morto sul Cervino. Il levaldigese Davide Gerlero ha dovuto fermarsi al campo base 2 

 “Ragazzi eccomi di nuovo qui, puntuale come un orologio svizzero!

Oggi è l’8 e quindi dovevo dare un segno grande della mia presenza. Grazie a Cala Cimenti, la mia foto è arrivata in cima al Dhaulagiri proprio questa mattina ed anche l’ora è stata quella giusta!

L’emozione è stata indescrivibile. I miei genitori hanno appreso la notizia da una giornalista che li ha contattati. Anche questo particolare è stato nel mio stile... ricordatevi che i miei nonni erano entrambi giornalisti...

Ora non mi resta altro che ringraziare infinitamente Davide Gerlero Cala Cimenti e Matthias Koenig che mi hanno portato nel loro cuore!

Grazie amici perchè con le vostre azioni continuate a farmi vivere!”.

Con queste parole cariche di entusiasmo i genitori di  Luca Borgoni, a nome del figlio, appassionato di alpinismo, morto l’8 luglio a 22 anni sul Cervino, dal suo profilo Facebook condividono l’arrivo sulla cima Dhaulagiri, la settima montagna più alta del mondo (8.167 metri), degli amici Carlo Alberto (Cala) Cimenti di Pragelato e a seguire dello svizzero Matthias Koenige. Il levaldigese Davide Gerlero, amico di Luca, che si è dovuto fermare al campo base 2 anche se fisicamente non ha potuto esserci, sicuramente con il cuore e il pensiero ha scalato passo dopo passo l’ultimo tratto della “Montagna bianca” depositando idealmente la fotografia del suo grande amico Luca che aveva consegnato all’amico Cala quando si sono dovuti dividere. 

Cala Cimenti è stato il primo a toccare la vetta che si trova in Nepal. Erano le 11 di domenica 8 ottobre, a tre mesi esatti dalla morte dell’amico Luca. Al rientro ha incontrato in salita il compagno Matthias che era partito dopo di lui. 

Cala e Matthias stanno rientrando al campo base 2, nel giro di due o tre giorni dovrebbero unirsi a Khatmandu all’amico di Levaldigi Davide. A fine mese il rientro in Italia per Davide e Matthias, Cala resterà ancora in Nepal.

Con questa spedizione gli amici di Luca hanno realizzato quello che era il suo grande sogno, che si apprestava a compiere grazie al finanziamento ottenuto vincendo il concorso internazionale “Mountopia”.