Crf-H1-M-728x90 OK

Piero Dadone presenta l’autobiografia di Natale Carlotto

Martedì 12 dicembre, alle 20, nel salone del Circolo Acli di Ceriolo, Piero Dadone presenta l'autobiografia di Natale Carlotto, diventato icona del maggior sindacato agricolo della Granda  

Martedì 12 dicembre, alle 20, nel salone del Circolo Acli di Ceriolo (Sant'Albano Stura), Piero Dadone presenta l'autobiografia di Natale Carlotto, l'uomo diventato simbolo della Coldiretti di Cuneo. A 85 anni, il senatore Natale Carlotto ha sentito il bisogno di affidare ad un libro i suoi anni vissuti da protagonista dentro la storia della Granda. Il volume “Autobiografia Natale Carlotto. Chi sono, come sono, valutazioni, considerazioni, riflessioni, attività. Fatti… benfatti, malfatti, non fatti in provincia di Cuneo”. La pubblicazione – è dichiarato nel risvolto di copertina – “è stata realizzata a spese dell’autore: non è in vendita, è disponibile per la lettura in tutte le Biblioteche civiche della provincia di Cuneo”. Nato a Ceva (in cascina Coca in loc. San Bernardino), si è fatto carico del mondo rurale attraverso varie responsabilità in Coldiretti, sulla spinta ideale della militanza nell'Azione Cattolica degli anni ’50-’60. I suoi ricordi incrociano passaggi cruciali per il Paese, dal fascismo in declino alla guerra rovinosa, alla Resistenza in diverse formazioni, al faticoso dopo-guerra della ricostruzione, alla partecipazione politica della Coldiretti… Tra un periodo e l’altro, ulteriori riflessioni di più vasto respiro sul significato della politica (“che non è un mestiere”), con approfondimenti sulla Democrazia Cristiana del tempo, per la quale fu candidato alla Camera la prima volta a giugno ’76, inserito nelle liste all’ultimo minuto su pressione dell’on. Sarti. E fino al ’94 fu parlamentare, per tre legislature a Montecitorio e per due a Palazzo Madama. Ampio spazio è riservato nel libro all’attività in Parlamento. Infine una carrellata sui nodi risolti ed irrisolti della “Granda”, dalle strade alle autostrade, ai trafori alpini, alle ferrovie, al commercio minuto od organizzato nei nostri paesi, al patrimonio storico-artistico da salvaguardare... Insomma, l'autobiografia di un personaggio che ha contribuito a fare la storia della Granda e che ne rappresenta antropologicamente i caratteri.

Dimar La Fedeltà istituzionale 728x90