Bene Vagienna celebra la sua patrona

Nel fine settimana fiera e rievocazione storica dedicata alla beata Paola Gambara

"È la beata”. A Bene Vagienna, dicono semplicemente così quando si avvicina la domenica “giusta”. Ma non è un atteggiamento di sufficienza: è il sentirsi vicini alla propria patrona - la beata Paola Gambara Costa - cui ogni anno viene dedicata una fiera con, all’interno, uno spettacolo che ricostruisce i momenti decisivi della sua vita.
In questo 2018, l’appuntamento è per domenica 21 gennaio, ovviamente nel centro storico di Bene Vagienna, che ospiterà la fiera con prodotti agricoli (anche biologici) e artigianali. 
L’evento è organizzato da Comune di Bene Vagienna, Associazione artigiani e commercianti benesi, parrocchia Maria Vergine Assunta, associazione “Amici di Bene”.

Il programma
Alle 10,30 in piazza Martiri si svolgerà un’esibizione dedicata alla realizzazione di sculture in legno con la motosega, mentre per le 11 sono previsti uno spettacolo di falconeria lungo le vie del paese e, in piazza Botero, i “Giochi della tradizione”. Alle 11,30, sempre nelle strade del centro sfilerà la banda musicale locale, in attesa del taglio del nastro della fiera, fissato per le 11,45.
Dalle 12,30 alle 14,30 si potrà pranzare, al Palazzetto dello sport, con prodotti tipici.
Alle 14,30 inizierà, in viale Marconi, la sfilata del corteo con i figuranti che, in abiti storici, raggiungerà il fossato del Castello, dove saranno rappresentati i momenti più importanti della vita della patrona.
Sempre nel fossato, per le 16 è atteso un nuovo spettacolo di falconeria.
Il pomeriggio dedicato a Paola Gambara si concluderà, alle 17 in piazza Botero, con la premiazione del concorso “Una rosa per la beata Paola”, i cui partecipanti si sono impegnati per far fiorire una rosa nonostante la stagione avversa. 
Per tutta la giornata saranno distribuiti vin brulé, puch e soma d’aj. 

Eventi collaterali
Nell’attesa della domenica della fiera ci sono, in programma, alcuni “eventi collaterali”.
Alle 21 di venerdì 19 gennaio, nel teatro parrocchiale si esibirà la compagnia locale “Banda brusca”. “En maestro per Adriana” è il titolo della commedia che sarà messa in scena; gli attori reciteranno in piemontese.
Per sabato 20 gennaio, è prevista una “serata gastronomica” che si svolgerà al Palazzetto dello sport (appuntamento alle 20, prenotazione entro il 17 gennaio al 335.6058351). Seguirà la “serata danzante” riservata a quanti hanno partecipato alla cena.

La vita di Paola
Paola Gambara visse fra il 1473 e il 1515. Nata nel Bresciano, venne a Bene Vagienna come sposa del conte Ludovico Antonio Costa.
Donna di grande fede, si dedicò ai poveri. Sembra inoltre che si sia impegnata, con successo, per la conversione del marito: inizialmente l’uomo si sarebbe opposto alle opere di generosità della moglie e avrebbe intrapreso una relazione adulterina.
La tradizione le attribuisce numerosi miracoli, che hanno permesso la beatificazione della donna. Il più noto riguarda la trasformazione di pane in rose, che Paola avrebbe compiuto per nascondere al marito il cibo che si apprestava a donare ai poveri.
Tuttora sono numerosi i fedeli che pregano Paola Gambara, patrona di Bene Vagienna insieme con San Gottardo.