Gli Amis d’la Madlana cantano con don Aimetta

Quarant’anni fa cominciarono a cantare con il sacerdote nel coro parrocchiale di Maddalene; sabato scorso hanno portato i loro canti popolari alla residenza Sordella dove l’anziano parroco è ricoverato

Sono entrati nel salone con le loro mantelle e le loro capline cantando la canzone della questua: “Suma partì da nostra cà/ca i-era ‘n prima sèira/per amnive a saluté/deveé la buna sèira...”. 

Sabato scorso gli Amis d’la Madlana hanno portato i loro canti popolari alla residenza Sant’Anna. Ad accoglierli gli ospiti della casa di riposo tra i quali, commosso sino alle lacrime, don Giovanni Aimetta, il sacerdote che quarant’anni fa valorizzò la loro passione per il canto, organizzando un solido coro parrocchiale, da cui nacque in seguito il gruppo corale. Il sacerdote, alla fine ha cantato insieme ai “suoi” ragazzi.

 

 

L’articolo completo su La Fedeltà di mercoledì 14 marzo 2018