Sale giochi e videopoker: il gioco d’azzardo arriva anche a Genola

Aprirà in aprile nella zona commerciale, nei locali dell’ex Wallflor

A Genola aprirà, probabilmente nel mese di aprile, la prima sala giochi del paese. La location è quella che fino a pochi mesi fa ospitava nella zona commerciale, sulla provinciale Savigliano-Cuneo, il centro arazzi Wallflor dei fratelli Ramonda.

È il quarto che si presenta in Comune - sono tutti cinesi - per proporre l’apertura di una sala giochi - dice il sindaco Stefano Biondi -. Finora a parole li abbiamo sempre scoraggiati (uno di questi ha poi aperto in via Torino a Fossano) convincendoli a desistere. Purtroppo in questo caso hanno portato avanti le pratiche e ottenuto il permesso dalla Prefettura. Da parte nostra non possiamo fare altro che controllare che vengano rispettate le distanze dai luoghi sensibili (per i Comuni sotto i 5.000 abitanti è prevista una distanza di 300 metri da scuole, chiese, oratori, sportelli bancomat, ospedali - ndr) come previsto da una legge regionale. Dalle rilevazioni è tutto in regola, quindi non possiamo opporci”. 

Nel 2016, inoltre, il sindaco Biondi, in base a una normativa regionale (legge n. 9 del 2 maggio 2016), aveva emesso un’ordinanza che limitava l’orario di gioco alle slot machine e a tutte le macchinette dove è prevista l’eventuale vincita/perdita di denaro dalle 12 alle 24, con l’intento di ridurne l’uso indiscriminato in particolare nelle fasce orarie (il mattino) nelle quali è più favorito l’accesso di anziani e adolescenti.

Articolo su La Fedeltà in edicola mercoledì 28 marzo