La bellezza della vita raccontata per immagini

Durante la festa di domenica 8 aprile premiati i vincitori del concorso

“La vita in un’immagine” è il titolo del concorso grafico indetto dal Centro di aiuto alla vita (Cav) e la Comunità Papa Giovanni (Apg23), in collaborazione con la diocesi di Fossano. Un concorso la cui premiazione si è tenuta nel pomeriggio di domenica 8 aprile alla bocciofila “Forti e Sani” di Fossano, con un susseguirsi di riflessioni, immagini, saluti, canti, convivialità. 

E poi i premi, conferiti in buoni da spendere per oggetti di cartoleria: il primo consegnato alle classi 3 A e B della scuola primaria “Calvino”, il secondo dato a pari merito alle classi 1 B e D della scuola “Einaudi”. Infine un premio è stato anche assegnato alla scuola materna “Dompè” che ha prodotto due cartelloni, frutto di un lavoro cumulativo di tutti i bambini. Con immagini che raccontano la vita dal suo concepimento alla morte naturale, e che resteranno esposte nel porticato del Castello fino alla fine del mese di aprile. 

Per riaffermare ancora una volta, anche attraverso il saluto del vescovo Piero Delbosco, “che la vita è bella sempre; a tutte le età e a tutte le condizioni, e nei posti difficili come il carcere” auspicando però che diventi, di fatto, un luogo davvero rieducativo. E, rivolgendosi ai più attempati, qualche nonno presente, ha detto: “Siccome la vita è bella non rischiamola al volante, che oggi è diventato l’arma negativa più potente che abbiamo”. Un augurio che è risuonato come un monito, perché gli adulti si sforzino di dare l’esempio di buona vita ai minori.

Un altro augurio significativo è stato quello di circondare “le mamme con persone che facciano affettuosamente il tifo per loro e per il loro bambino, affinché si sentano sempre confortate nel superare le difficoltà che una gravidanza può anche comportare”. Un’affermazione che è frutto di un impegno di oltre vent’anni di vita del Cav a fianco di tante mamme disperate e che Rinuccia Tortone ha rivolto all’assemblea a nome di tutte le altre volontarie dell’associazione. Un impegno che in certi periodi non è stato per niente facile e che non sempre raccoglie i supporti sociali che meriterebbe. Anche se, in questa occasione, oltre al Cav si sono uniti, offrendo il loro contributo, i volontari dell’Apg23 che hanno aperto il pomeriggio con i canti e Flavio Zanini di Cuneo che ha presentato l’iniziativa. Mentre la Fondazione Fossano Musica ha offerto alcune performance con la vibrante voce della cantante Raffaella Buzzi insieme all’accompagnamento strumentale di Enzo Forgione e Giampiero Brignone. E che, con le toccanti parole de “Il senso della vita”, tra le diverse canzoni cantate, hanno offerto una conclusione profonda a tutto l’evento.