Palazzo Tesauro è pronto: il Comune mette una pezza all’emergenza scuole

I lavori sono stati concentrati in poco più di due mesi e sono costati circa 300 mila euro tra opere edili, adeguamento degli impianti e tinteggiatura

I lavori sono terminati e ora non resta che una bella ripulita prima di sistemare gli arredi e il materiale didattico. Il vice-sindaco Vincenzo Paglialonga, nel mostrarci i locali rimessi a nuovo, può finalmente tirare un sospiro di sollievo: palazzo Tesauro, l’edificio all’angolo tra via Bava e via San Giovanni Bosco, è pronto per ospitare gli studenti della scuola elementare “Primo Levi”. Li accoglierà dal 10 settembre e per i prossimi tre anni, suddivisi tra piano terreno e secondo piano. Sciogliendo l’ultima incertezza, la scorsa settimana ha chiarito che la “Primo Levi” sarà l’unica scuola elementare a occupare locali a palazzo Tesauro. L’altra “indiziata” - la “Italo Calvino” - resterà infatti integralmente in via Garibaldi. L’ipotesi di utilizzare il secondo piano del Tesauro anche a servizio della “Calvino” era strettamente legata alla spinosissima vicenda delle “aule contese”, la nuova grana scoppiata nelle ultime settimane tra la scuola elementare e la scuola media di via Dante: due istituti che convivono nel medesimo complesso scolastico (l’ex convitto civico) e che hanno esigenze di locali superiori a quelli complessivamente disponibili nell’edificio condiviso. Di qui il braccio di ferro tra le due dirigenti, che l’Amministrazione comunale - proprietaria dei locali - ha sciolto assegnando le due aule alla Media e individuando per la Calvino la “soluzione Tesauro”. Ma la sua proposta è stata respinta dall’Istituto di via Garibaldi, per non “spezzettare” la scuola: un rifiuto che è stato accompagnato da un rovente dibattito con gli interventi contrapposti delle due dirigenti, di un gruppo di genitori e della consigliera 5 Stelle Ilaria Riccardi. 

Nella settimana appena trascorsa le posizioni delle parti in causa sono rimaste inalterate. Ci sarà, tuttavia, l’occasione per un chiarimento martedì 4 settembre con l’incontro in Sala rossa (ore 18,30) tra l’Amministrazione comunale, i genitori e i docenti della “Calvino”.