Tangenziale: abbattuto il “trampolino”

Era una delle due campate superstiti dello svincolo su via Marene. Ora bisognerà rimuovere le macerie. 

È stata completata la demolizione di una delle due campate superstiti dello svincolo della tangenziale di via Marene. I lavori erano cominciati mercoledì 23 gennaio e, alla fine della settimana, macerie e ferri di quello che dal 18 aprile 2017 era ormai un trampolino nel vuoto giacciono a terra ai bordi della Reale, separati dalla strada da una serie di recinzioni. In piedi è rimasto soltanto il pilastro che lo sorreggeva e che si presume verrà demolito in settimana dalla ditta General Montaggi Industriali che sarà chiamata anche a liberare la scarpata dai detriti. 

La campata demolita si trovava sul lato sinistro della strada (in uscita da Fossano) ed era stata oggetto nei mesi passati di carotaggi e dissezioni per testare le condizioni della “gemella” crollata. Per questo era ormai irreparabile e doveva essere abbattuta. Non è previsto invece l’abbattimento dell’altra campata superstite dello svincolo - quella sul lato del cimitero - dove, viceversa, la stessa ditta sta effettuando dei lavori di rinforzo delle fondamenta. 

Le operazioni di abbattimento sono iniziate senza interruzioni del traffico, ma con semplici recinzioni per separare l’area di cantiere dalla strada. Durante i lavori è prevista, al bisogno, l’adozione di un senso unico alternato con semaforo o con movieri .