Crf-H1-M-728x90 OK

“Mancano infrastrutture”, la protesta in un video

Iniziativa degli industriali cuneesi: “Bene il completamento della Cuneo-Asti, ma non basta”

“Metterci la faccia” per le infrastrutture della Granda. Lo fanno gli industriali della provincia in un video che, spiegano, “documenta le gravi carenze infrastrutturali che recano incalcolabili danni alla produttività delle imprese”.

L’iniziativa giunge poco dopo la visita del presidente del Consiglio Conte e del ministro dei Trasporti Toninelli alla Cuneo-Asti: i due hanno assicurato che in estate partiranno i lavori per il completamento dell’autostrada. “Bene ultimare la Cuneo-Asti, ma questo è solo il primo passo, perché ad oggi la nostra provincia continua ad essere isolata dal resto del mondo”, commentano gli industriali.

Il video in cui sono protagonisti “mostra lo stato di degrado delle nostre infrastrutture”. Diviso in varie parti, viene diffuso “a puntate” tramite il canale YouTube della Confindustria cuneese.

Si citano anche la tangenziale di Fossano e l’aeroporto di Levaldigi. Tra gli intervistati c’è inoltre Marco Brandani, amministratore delegato della Maina che ha sede nella stessa città degli Acaia.

“In una provincia operosa come la nostra, che conta su realtà imprenditoriali eccellenti, l’immobilismo di cui siamo testimoni è inaccettabile”, commenta Mauro Gola, presidente di Confindustria Cuneo. “Daremo voce agli associati sul sito di Confindustria Cuneo e sui nostri canali social, pubblicando una volta a settimana un loro intervento”, aggiunge Giuliana Cirio, direttore degli industriali cuneesi.