Crf-H1-M-728x90 OK

Al nastro di partenza il progetto “Villaggio Divina Provvidenza”

Siglato l’accordo tra i vari enti; nei prossimi giorni si insedia la Casa famiglia san Paolo

Dopo alcuni mesi di confronto, nei giorni scorsi è stato siglato un accordo tra l’Opera diocesana della Preservazione della Fede proprietaria della struttura “Figlie della Provvidenza” in via Orfanotrofio 12, a Fossano, e l’associazione “Papa Giovanni XXIII”, la cooperativa Sociale “Il ramo” e l’ufficio Caritas della diocesi di Fossano, per un radicale rinnovamento di destinazione d’uso dell’edificio.

L’edificio, costruito appena 15 anni fa, ha diverse potenzialità e in questi mesi ha ulteriormente ricevuto miglioramenti strutturali. Inoltre, la generosità e creatività dei soggetti coinvolti hanno fatto sì che avesse inizio un progetto che porterà alla nascita di un “villaggio solidale”. Lo scopo è quello di far interagire esperienze e sensibilità diverse, accomunate dalla medesima vocazione: perseguire un servizio di accoglienza a persone svantaggiate, attraverso una casa-famiglia, e offrire un supporto abitativo per persone in situazione di disabilità, difficoltà ed emarginazione sociale.

A lanciare l’idea della compresenza e di un lavoro sinergico tra queste realtà era stato il Vescovo Piero Delbosco, che ora non nasconde una certa soddisfazione per l’avvio di una esperienza significativa per Fossano, che vede coinvolti diversi attori che operano in vari ambiti, e che certamente col passare del tempo amplierà i suoi servizi con ulteriori progetti. Un auspicio del Vescovo, ad esempio, è l’utilizzo dell’area verde antistante il cortile della struttura per un progetto di orti sociali, che così si affiancherebbe ad altre iniziative sul territorio, in fase di perfezionamento e che vedono l’Opera diocesana in prima linea.

Essendo una realtà complessa e con diversi attori in gioco, è stato creato un comitato di indirizzo che avrà il compito di sovrintendere alle linee guida che sono state sottoscritte da Mauro Mandrile, direttore dell’Istituto “Divina Provvidenza e Mons. Signori” in rappresentanza dell’Opera diocesana, da Maurizio Bergia per l’associazione “Papa Giovanni XXII” e la cooperativa “Il ramo”, e dal direttore della Caritas diocesana Nino Mana.

Il piano operativo e funzionale vedrà in questi giorni l’insediamento della Casa Famiglia San Paolo. Entro le prossime settimane l’intera struttura andrà a pieno regime.

AGD Cultura a Porte aperte 728X90 2019