Crf-H1-M-728x90 OK

Sta meglio il 67enne rimasto ferito a Bene Vagienna

I sanitari sono riusciti a riattaccare l'arto amputato dallo spaccalegna: "Bisogna vedere come reagiscono i tessuti, ma siamo fiduciosi"

Numero telefono 118

Si è amputato la mano sinistra mentre tagliava legna, ma i sanitari sono riusciti a riattaccare l’arto. Ora O.G., 67enne, sta meglio. Questa, in estrema sintesi, la cronaca di quanto accaduto ad un residente nella frazione Isola di Bene Vagienna, nei giorni di Ferragosto.

Il 67enne stava utilizzando, nel cortile della sua abitazione, uno spaccalegna, attaccato al trattore, per tagliare la legna da bruciare nella stagione fredda quando è avvenuto l’incidente. L'uomo è stato accompagnato all’ospedale di Mondovì e, in seguito, destinato al “Maria Vittoria” di Torino, dov’è giunto tramite l’elisoccorso e dove è stato accolto nel reparto di Chirurgia della mano diretto dal dottor Giorgio Merlino. Un team di medici ha effettuato la complessa operazione per riattaccare l’arto, intervenendo, come si legge in una nota del nosocomio, “prima sulle parti ossea e vascolare e poi sulle parti tendinea e nervosa”. Dall’ultima nota diramata dal Maria Vittoria, si apprende che “l’intervento è tecnicamente riuscito”: “La mano è calda e rosea - hanno spiegato i sanitari -, ma bisognerà attendere alcuni giorni per valutare come reagiscono i tessuti. Se tutto andrà bene, seguirà per il paziente un lungo periodo di recupero dal punto di vista riabilitativo. Siamo fiduciosi”.

L’intervento è durato circa 6 ore: si è concluso intorno all’una di notte del 15 agosto. La mano era ancora attaccata al braccio per un lembo. Hanno lavorato per restituire l’arto al 67enne i dottori Ezio Gangemi, Alessandra Clemente, Marco Borsetti ed Enrico Zingarelli con i colleghi anestesisti e il personale infermieristico.

AGD Cultura a Porte aperte 728X90 2019