Crf-H1-M-728x90 OK

Montagna e disabilità, un binomio possibile

Grazie a volontari del Cai e dell'associazione "Camminare insieme" e a un particolare tipo di carrozzine "fuoristrada"

Volontari del Cai e dell'associazione

Disabilità motoria e percorsi di montagna, un binomio a prima vista “impossibile”. Non è stato così per alcuni ragazzi del Fossanese, grazie alla sezione fossanese del Cai e l’associazione “Camminare insieme” che, durante l’estate, hanno organizzato tre escursioni su strade sterrate e sentieri nella zona di Sampeyre. Insieme con l’impegno dei volontari, a rendere possibili queste gite sono state due “joelette wheelchair” messe a disposizione dal parco delle Alpi marittime: sono carrozzine con caratteristiche particolari che, spinte da due persone, possono essere impiegate anche lungo tracciati scoscesi.

Spiegano gli organizzatori: “Il progetto, patrocinato dalla Fondazione Cassa di risparmio di Fossano e dal Gruppo regionale del Cai Piemonte, era rivolto a bambini e ragazzini del Fossanese con disabilità motoria che impedisce loro di camminare autonomamente. Hanno partecipato sei ragazzi con le loro famiglie, i loro amici e alcuni volontari del Cai. In ognuna delle tre giornate - nei mesi di luglio e agosto -, i familiari e i volontari del Cai si sono alternati nel condurre le due joelette in un clima festoso e rilassato; dopo la passeggiata, il meritato riposo con sosta in area picnic per il pranzo al sacco”.

Una difficoltà, non trascurabile, è purtroppo emersa: “È stato complesso trasportare le joelette avute in dotazione. I modelli di proprietà del parco delle Alpi marittime, infatti, richiedono l’uso di un furgone, che è stato trovato grazie alla disponibilità di privati che fanno parte delle nostre due associazioni: questi ultimi hanno trasportate le joelette a Sampeyre, dove sono state lasciate in custodia in un garage privato, e infine le hanno riportate a Entracque, nella sede del parco. Questa criticità ha limitato la scelta dei percorsi per le escursioni”. L’auspicio è che “per le prossime edizioni del progetto si possa usufruire delle joelette, pieghevoli e facilmente trasportabili in auto, di proprietà del consorzio Monviso solidale che, all’interno del progetto transfrontaliero #Com.Viso per promuovere lo «sviluppo di comunità», le sta affidando in gestione ad associazioni del territorio delle valli Varaita e Po”.

Il bilancio dell’iniziativa è positivo: in particolare, “per le famiglie dei ragazzi disabili è stata una bella esperienza di inclusione”. “Poter usufruire delle joelette per queste passeggiate in montagna ci ha dato la bella sensazione di poter scegliere cosa fare con i nostri figli senza preclusioni - spiega Simona Ballario, vicepresidente di «Camminare insieme» -. Questo è uno degli obiettivi della nostra associazione, un sogno che, nel nostro piccolo, stiamo cercando di far avverare: dare la possibilità di scegliere, far sentire che si può trascorrere una giornata in montagna, al mare o anche in città sapendo che non si dovranno affrontare barriere”. Prosegue Ballario: “I volontari del Cai sono stati fantastici compagni di avventura, disponibili a faticare per i sentieri impervi e a condividere con noi la giornata in serenità e gioia. Sicuramente un’esperienza da ripetere e ampliare”.

Chi è interessato ad aderire all’iniziativa o a mettere a disposizione un po’ del proprio tempo (e della propria forza), può telefonare al presidente del Cai di Fossano Michele Colonna (348.2698730), alla stessa Ballario (333. 6679292) o a Maritella Brizio anche lei del Cai di Fossano (329.753 9935).