Crf-H1-M-728x90 OK

Quattordici nuovi dottori in Fisioterapia

Hanno studiato a Fossano, dove da tempo è attivo questo corso, di durata triennale: la proclamazione al castello

La proclamazione delle lauree in fisioterapia a Fossano

Quattordici nuovi dottori. Nella mattinata di oggi (venerdì 29 novembre) al castello di Fossano si è svolta la cerimonia di proclamazione delle lauree in Fisioterapia: da tempo, per questo corso di durata triennale, la città degli Acaja è una sede formativa della Scuola di medicina dell’università del Piemonte orientale. Otto ormai ex studenti hanno raggiunto  il punteggio più elevato, 110; di questi tre hanno ottenuto anche la lode.

Le tesi erano già state discusse nella sede formativa di Novara; ai laureandi non era però stato comunicato il voto con cui sarebbero diventati dottori, reso noto soltanto nella cerimonia organizzata a Fossano. Sempre durante la mattinata al castello due dei 14  neodottori, Marco Mascarello e Simona Sirigu, sono stati invitati a presentare le loro tesi, giudicate particolarmente interessanti.

Non sono mancati momenti di commozione, come quando qualche laureando è stato vinto dalle lacrime, e neppure un pizzico di goliardia, ingrediente che giustamente si riscontra negli ambienti universitari. Molto belle le parole di Carlo Cisari, presidente del Corso di laurea intervenuto con Mirco Grillo della Direzione generale dell’Asl Cn1: “Non spegnate lo studente che è in voi, dovete essere studenti per tutta la vita: così potrete essere migliori - ha detto Cisari rivolto ai neodottori -. Questo corso di laurea è molto ambito: ci sono mediamente 12 domande per ogni posto disponibile. Dovrete svolgere la vostra professione con grande contenuto etico: chi si rivolge a voi la fa per il suo bene supremo, la salute”.

A rappresentare il Comune di Fossano c’era il sindaco, Dario Tallone. “Mi dispiace che abbiate visto il nostro castello «impacchettato» per la presenza di un cantiere e invito chi non ha avuto ancora l’occasione di scoprire l’edificio senza impalcature a tornare in città dopo marzo, quando i lavori saranno conclusi - ha detto il primo cittadino, rivolgendosi ai laureandi -. La giornata di oggi rappresenta anche un momento simbolico per rafforzare l’importante legame che questa Amministrazione ha con l’AslCn1: è in corso un dialogo fondamentale perché si possa costruire insieme un futuro migliore per la nostra città”.

Durante la cerimonia è stato inoltre sottolineato come la scelta di attivare il Polo formativo in Fisioterapia a Fossano sia dovuto anche al fatto che “quest’area è fertile dal punto di vista professionale e i neodottori troveranno esempi per la loro formazione”: negli ultimi anni, si è infatti investito molto perché la città degli Acaja si specializzasse nella medicina riabilitativa. Alcuni dei neodottori “incoronati” al castello provengono dal Torinese: il bacino degli iscritti al Corso in fisioterapia attivato a Fossano supera quindi i confini della provincia Granda.