Crf-H1-M-728x90 OK

Biglietti più cari per treni e bus regionali

L'aumento medio - scattato dal 1° dicembre - è del 2,82%. Le tariffe erano ferme dal 2013

Trasporto pubblico

L’Agenzia per la mobilità piemontese - emanazione della Regione - ha fissato le nuove tariffe per i servizi di trasporto regionale sui treni e sui bus, che erano ferme dal 2013. L’adeguamento è scattato con decorrenza dal 1° dicembre.
L’incremento medio è del 2,82% con oscillazioni che variano da un minimo dello 0% (per la prima fascia 0-5 km di treni e bus extraurbani) ad un massimo del 5,26% per effetto degli arrotondamenti. La ratio è quella di coprire gli oneri dell’inflazione dal 2015 al 2018 (nei due anni precedenti non c’era stata inflazione).
Per i servizi urbani e conurbati del trasporto su bus, tocca invece ai Comuni decidere se procedere agli aumenti, entro i limiti fissati dall’Agenzia. Al momento, l’unico ad aver già deliberato è il Comune di Cuneo, dove gli aumenti sono scattati il 1° dicembre.

Su "la Fedeltà" di mercoledì 11 dicembre