Celebrazioni nelle feste di Natale

Messe e altri appuntamenti di preghiera. Avvento di fraternità Caritas, tutti sono invitati a fare una donazione

Cussanio accensione albero di Natale 2018

Siamo giunti alla solennità del Natale, una delle più antiche e più significative feste della cristianità. Nel periodo che va dalla notte di Natale all’Epifania, in tutte le chiese si celebrano solenni liturgie; di seguito riportiamo quelle della Cattedrale di Fossano, chiesa madre della diocesi, del Santuario di Cussanio (in questa pagina il calendario delle celebrazioni natalizie di Papa Francesco).

In Cattedrale il giorno di Natale celebra il vescovo Delbosco
La Cattedrale festeggia la Natività del Signore con grande solennità: il 24 dicembre, la notte di Natale, alle 23,15 c’è il Presepe rinascimentale e la recita “E vennero i pastori...”, con i ragazzi dell’Acr e del catechismo; a mezzanotte la solenne celebrazione presieduta dal parroco don Ezio Bodino; il giorno successivo, mercoledì 25 dicembre, messe con orario festivo: alle 8 la messa dell’aurora di Natale, alle 10,30 il solenne pontificale presieduto dal vescovo mons. Piero Delbosco, a seguire la messa delle 11,45, alle 18 la messa della sera di Natale. Il 26 dicembre, giorno di Santo Stefano, messe con orario 8 - 10,30 - 18; martedì 31 dicembre alle 18, verrà cantato il “Te Deum” di ringraziamento, alle 18,30 la messa. Infine, mercoledì 1° gennaio, solennità della Madre di Dio e Giornata mondiale della pace, le messe vengono celebrate con orario 8 - 11,45 - 18.

La Natività a Cussanio
Le celebrazioni natalizie al Santuario di Cussanio si svolgono nei seguenti orari: la messa della notte di Natale viene celebrata il 24 dicembre alle 22 (e non a mezzanotte); mercoledì 25 dicembre, solennità della Natività di Cristo, le messe seguono l’orario festivo 9,30 - 11 - 17,30; giovedì 26 dicembre, festa di Santo Stefano, messa alle 18,30; infine martedì 31 dicembre alle 18, “Te Deum” di ringraziamento e celebrazione eucaristica.

Avvento di fraternità, si raccolgono le offerte
A conclusione dell’Avvento di fraternità, i cristiani delle due diocesi sono invitati a contribuire al fondo di solidarietà che la Caritas di Fossano e Cuneo hanno creato per sostenere percorsi di istruzione e formazione professionale; i destinatari sono persone che desiderano far crescere preparazione e competenze professionali e contribuire a migliorare la situazione personale e quella della propria famiglia. Sì, perché la bassa scolarità è una delle cause della povertà: le persone con titoli di studio più bassi corrono un rischio maggiore di essere disoccupate e, normalmente, hanno stipendi più bassi.
Singoli e comunità parrocchiali possono sostenere il fondo di solidarietà inviando una donazione in denaro attraverso un bonifico bancario alla Caritas diocesana di Fossano, Iban IT 29 T 06170 46320 000001603189 specificando nella causale “donazione Avvento di fraternità 2019”; oppure direttamente in Ufficio Caritas, aperto lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8,30 alle 12,30 in via Vescovado 12 a Fossano. Informazioni: Caritas diocesana, tel. 0172.636264, e-mail caritasfossano@gmail.com