Al via la stagione teatrale fossanese

Cinque spettacoli a "I portici": la compagnia "La corte dei folli" avrà un ruolo da protagonista

Conto alla rovescia quasi concluso per la nuova stagione teatrale a “I portici” di Fossano, la cui organizzazione è stata affidata a “La corte dei folli”, compagnia sempre della città degli Acaja che ha lavorato al cartellone con “Slow cinema” e il sostegno economico della Fondazione Crf e il Comune.

Per la prima delle date previste - martedì 18 febbraio -, saranno due attori della stessa Corte dei folli a salire sul palco. Pinuccio Bellone, che della compagnia è anche direttore artistico, e Cristina Viglietta proporranno “Nel nome del padre” di Luigi Lunari, uno dei loro spettacoli più fortunati (nella foto, di Progetto Har). Fu lo stesso Lunari, il grande drammaturgo scomparso nel 2019, a volere che interpretassero la sua opera, dopo averli visti ed apprezzati durante uno spettacolo a Venezia.

Sempre i “folli” si esibiranno giovedì 5 marzo per un tributo a un fossanese illustre. La compagnia metterà in scena l’«Amleto in salsa piccante» di Aldo Nicolaj, il drammaturgo nato nella città degli Acaja che fu rappresentato perfino in Russia. Proprio nel 2020 si contano cent’anni dalla nascita: e questo spettacolo si inserisce in un insieme di iniziative più ampio, che la Corte dei folli presenterà nei prossimi mesi.

Il confine fra le arti è spesso lieve. Così martedì 17 marzo si potrà assistere ad una produzione della Fondazione Fossano musica tratta dal libro “La musica salva la vita”, che a sua volta parla del “Sistema” creato da José Antonio Abreu, un innovativo metodo di insegnamento che ha inoltre permesso di salvare da emarginazione e criminalità numerosi bambini venezuelani, avvicinandoli appunto alla musica. Le musiche dello spettacolo, che s’intitola come il libro, sono di Nicola Ferro; il testo di Silvia Guberti.

Martedì 7 aprile sarà il turno degli attori “di mestiere”. È stata infatti invita a Fossano una compagnia di professionisti, l’«Accademia dei folli» che metterà in scena “Fred dal whiskey facile”. La pièce è un omaggio alla vulcanica figura di Fred Buscagione.

L’ultima delle date in programma è in calendario a pochi giorni dalla festa della Liberazione, più precisamente martedì 21 aprile. Di qui la scelta - da parte della Corte dei folli - di proporre lo spettacolo “È bello vivere liberi!”, ispirato alla biografia di Ondina Peteani, prima staffetta partigiana d’Italia e deportata nei campi di concentramento nazisti. Sul palco salirà  Marta Cuscunà, una delle migliori fra le giovani attrici italiane.

Altre informazioni
L’inizio, per ogni spettacolo, è fissato alle 20,45. Le rappresentazioni saranno proposte nella sala Aldo Nicolaj. È possibile mettersi in contatto con i “I portici” anche tramite il loro sito, www.i-portici.net.