Massimo Castelli con un piede in Piemonte e l’altro in Catalogna

Responsabile amministrativo di Miroglio Fashion a Barcellona

Castelli Massimo Miroglio Fashion - La Fedeltà

“Me lo ricorda sempre mia madre... dovevano essere tre anni e invece è quasi un quarto di secolo che sono via da Fossano”.
Così esordisce Massimo Castelli, classe 1969, quando lo incontro a dicembre in un bar del centro. Il suo lavoro per Miroglio Fashion, una delle società del Gruppo Miroglio di Alba, l'ha portato a Barcellona nella filiale commerciale dell'azienda, e un “breve periodo” si è dilatato passando a lungo termine. E così, a parte il periodo delle vacanze poco più di un paio di volte all'anno, la sua vita è in Spagna.
Elementari alla Einaudi di via Matteotti con il maestro Cornaglia, scuole medie alla numero 1 di via Dante, Ragioneria alle superiori, una laurea in Economia e Commercio a Torino, con una tesi sul diritto privato, e numerose collaborazioni su progetti universitari e membro di commissione agli esami di maturità. Servizio militare alla Cernaia di Torino, dove viene nominato capo plotone di 90 ragazzi, e in seguito destinato al comando dei carabinieri a Revello in provincia di Cuneo. E nel 1996 i primi colloqui alla Miroglio, a cui è seguita l'assunzione. Il matrimonio nel 1998 con Rosanna Manassero, architetto di Mellea e la nascita di Luca 16 anni e Chiara di 9.
Un percorso lineare, senza sbavature.
Fiorenza Barbero

Intervista completa su La Fedeltà del 26 febbraio.