Sangue, “continuate a donare”

Il direttore del Centro Trasfusionale del S. Croce e Asl Cn1 invita tutti coloro che sono in buona salute a continuare con le donazioni di sangue e plasma

Appello del direttore del Centro Trasfusionale interaziendale dell’azienda ospedaliera S. Croce e Carle e Asl Cn1, Marco Lorenzi: “Se siete in buona salute potete venire a donare tranquillamente”.

Nei primi giorni di marzo le donazioni sono continuate senza grosse differenze tra un giorno e l'altro ma sono diminuite costantemente, mentre le unità distribuite sono rimaste praticamente le stesse.
Da quando tutta Italia è “zona protetta” sono cresciute e si sono manifestate in modo più accentuato le difficoltà e le incertezze della situazione che tutti viviamo.

Spiega il dottor Lorenzi: “Anche se non vi sentite male, verificate di non avere febbre, tosse, diarrea, difficoltà di respirazione. In quest'ultimo caso non venite a donare e se la sintomatologia peggiora contattate senza esitare il vostro medico di medicina generale o gli appositi numeri regionali (800192020). Se venite a donare avete un validissimo motivo di salute (pubblica!) per spostarvi. La vostra presentazione presso la sede di prelievo sarà registrata e tracciata e quindi può essere dimostrata anche su richiesta successiva. Dovrete fare un breve triage per entrare in ospedale (due tre domande e la temperatura corporea rilevata a distanza)”.

Il direttore del Simt conclude con un ulteriore invito e un ringraziamento: “Sfruttate in tutti i modi l'opportunità di prenotare la donazione, serve per ridurre al minimo soste e assembramenti. Grazie a tutti coloro che sono già venuti e grazie a chi passerà nei prossimi giorni e le prossime settimane”.