La Regione cerca personale per le Case di riposo

L’Unità di Crisi raccoglie manifestazione di interesse per la formazione di un elenco di operatori

Come il Reddito di cittadinanza può aiutare under 67 non auto sufficienti

Un nuovo fronte dell’emergenza si apre con la diffusione dei contagi nelle Case di riposo: la necessità di operatori che si sostituiscano a quanti si devono fermare in quarantena o in isolamento domiciliare. A questo fine, l’Unità di Crisi della Regione Piemonte raccoglie manifestazione di interesse per la formazione di un elenco di operatori da mettere a disposizione delle 700 strutture residenziali per anziani della Regione. Il personale sarà assunto direttamente dalle strutture residenziali per anziani e non dalla Regione Piemonte, né dalle Aziende sanitarie regionali.

La candidatura può essere presentata da coloro che sono in possesso di uno dei seguenti requisiti: 1. Attestato di qualifica per Operatore socio sanitario; 2. Studente che sta attualmente frequentando un corso per Operatore socio sanitario; 3. Attestato di qualifica professionale di Assistente familiare; 4. Svolgimento, con regolare contratto di lavoro, per almeno 6 mesi anche non consecutivi, di mansioni di assistenza al domicilio di anziani non autosufficienti o disabili; 5. Diploma di maturità quinquennale di Tecnico dei Servizi socio-sanitari; 6. Laurea triennale in Educazione professionale (classe di laurea L/SNT2); 7. Titolo di Infermiera volontaria.

La manifestazione di interesse dovrà essere espressa mediante la compilazione di un modulo da far pervenire esclusivamente al seguente indirizzo mail: personale_unitacrisi@regione.piemonte.it Maggiori informazioni al link: https://bandi.regione.piemonte.it/gare-appalto/elenco-operatori-disponibili-prestare-attivita-nelle-strutture-residenziali-anziani-nella-regione