Piemonte: i ricoveri in terapia intensiva scendono sotto quota 400

In provincia di Cuneo oggi si registrano 9 guarigioni e 5 decessi

Covid 19 Foto Di Fusion Medical Animation Su Unsplash02
Foto di Fusion Medical Animation - Unsplash

Calano ancora i ricoveri in terapia intensiva in Piemonte. Nel bollettino della Regione di giovedì 9 aprile (ore 19,30) sono 25 in meno rispetto a ieri. Aumentano anche i guariti (+133), ma i decessi continuano ad essere numerosi (70).

Il bollettino dei contagi. Sono 14.671 le persone finora risultate positive al Covid-19 in Piemonte: 2.104 in provincia di Alessandria, 681 in provincia di Asti, 625 in provincia di Biella, 1.309 in provincia di Cuneo, 1.226 in provincia di Novara, 6.992 in provincia di Torino, 700 in provincia di Vercelli, 776 nel Verbano-Cusio-Ossola, 191 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 67 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

I ricoverati in terapia intensiva sono 398. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 55.548, di cui 30.781 risultati negativi.

 

Nell'Asl Cn1 i positivi sono 860, gli isolamenti domiciliari 1183

I decessi. Sono 70 i decessi di persone positive al test del Coronavirus comunicati nel pomeriggio dall’Unità di Crisi, di cui 21 al momento registrati nella giornata di oggi.

Il totale complessivo è ora di 1.487 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi su base provinciale: 279 ad Alessandria, 75 ad Asti, 97 a Biella, 105 a Cuneo (+ 5 rispetto a ieri), 153 a Novara, 605 a Torino, 76 a Vercelli, 74 nel Verbano-Cusio-Ossola, 23 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte.

I guariti. I pazienti virologicamente guariti, cioè risultati negativi ai due test di verifica al termine della malattia, sono 865 (133 in più di ieri): 56 (+6) in provincia di Alessandria, 45 (+4) in provincia di Asti, 44 (+5) in provincia di Biella, 90 (+9) in provincia di Cuneo, 42 (+13) in provincia di Novara, 473 (+77) in provincia di Torino, 59 (+13) in provincia di Vercelli, 41 (+6) nel Verbano-Cusio-Ossola, 15 provenienti da altre regioni. Altri 834 sono “in via di guarigione”, ossia negativi al primo tampone di verifica dopo la malattia e in attesa dell’esito del secondo.