Cinema & tv da casa 6

La mia classe

In attesa di capire cosa accadrà il 4 maggio (augurandoci, come tutti credo, che i segnali di guarigione ci consentano di concludere questa forzata clausura), proseguiamo con il nostro girovagare tra piattaforme multimediali, servizi di cinema in streaming e via discorrendo.

Ora, tra le numerose proposte vogliamo segnalarne una davvero interessante, anzi, per certi versi, imperdibile, un’offerta messa in campo da MyMovies attraverso l’iniziativa #iorestoacasa. Si tratta di una campagna di proiezione di cinema d’autore on line realizzata dal portale MyMovies (www.mymovies.it) in collaborazione con le principali case di distribuzione cinematografica italiane e numerosi film festival nazionali e internazionali. Il portale consente di poter vedere gratis in streaming in una Sala Web una ricca serie di pellicole selezionate dai critici di MyMovies e messe a disposizione da Festival e case di distribuzione (Bim Distribuzione, CG Entertainment, Far East Film Festival, Rai Cinema, Torino Underground, Tucker Film, 102 Distribution, Natia DocuFilm, Biografilm, I Wonder Pictures, Pop Up Cinema). Ogni giorno vengono proposte una o più pellicole, si può selezionare quella preferita e prenotare il posto nella Sala Web virtuale.  Il catalogo è un bel mix di classici e produzioni recenti e sperimentali, di noir, commedie e documentari,  si va dallo splendido “La signora della porta accanto” di Francois Truffaut (1981) in onda stasera, mercoledi 22 alle 21, all’interessante docu-film di Daniele Gaglianone “La mia classe” con Valerio Mastandrea in programmazione giovedì 23 (ore 16, con la possibilità, al termine della proiezione, di dialogare con il regista); sempre giovedì 23 aprile (ore 21) un altro imperdibile Truffaut d’annata con la coppia Fanny Ardant e Jean Louis Trintignant in “Finalmente domenica!” (1983), una commedia poliziesca che merita assolutamente di essere rivista, o ancora, in streaming martedì 28 aprile alle 16, il toccante documentario di Daniele Vicari, storia di Vlora, la nave che l’8 agosto del 1991 ha portato ventimila persone albanesi in Italia. Ora, come al solito, non ci resta che augurare a tutti buona visione.