Come cambia il mercato di Fossano

Da mercoledì 20 tornano anche i banchi del settore "non alimentare". E il mercato sarà lungo un chilometro e mezzo

Mercato Percorso - La Fedeltà

Sarà un mercato lunghissimo. Oltre un chilometro e mezzo di distanza tra il primo e l’ultimo banco per garantire a tutti di fare acquisti in sicurezza. Domani, mercoledì 20 maggio, è il primo giorno di mercato consentito anche al settore non alimentare in Piemonte. E cade di mercoledì: sarà quindi Fossano una delle prime città a confrontarsi con il mercato “extra large”. Per garantire le distanze di sicurezza tra le persone e tra i banchi, infatti, l’amministrazione Comunale e il corpo di Polizia Locale hanno studiato una nuova mappa e una nuova disposizione delle bancarelle. L’estremo più a sud sarà in via Roma all’altezza di via Merlo. Quello a nord in viale Regina Elena, all'incrocio con corso Trento. La novità più grande, infatti, è che il mercato settimanale non sarà più soltanto nella via maestra: lo spazio non era abbastanza per garantire il rispetto delle nuove distanze di sicurezza e la scelta è stata di passare dalla tradizionale doppia fila di banchi a una sola (con lato di vendita rivolto verso i civici pari – ossia rivolto verso il Duomo). Il serpentone dei venditori ambulanti continuerà fino al Bastione da lì proseguirà, sempre per il settore non alimentare, in due direzioni: verso viale Alpi fino a corso Colombo e verso piazza Picco. Dalla rotonda della fontana ripartirà una nuova fila che proseguirà fino all’incrocio con corso Trento.
L’altra grande novità è che il mercato dei produttori e di campagna Amica viene temporaneamente ricollocato: non si troverà più su viale Alpi ma all'estremità del nuovo percorso ossia in viale Regina Elena, nel tratto compreso tra via Cherasco e corso Trento.
Non subirà modifiche invece l’organizzazione di piazza Castello, ma oltre ai banchi dell’alimentare torneranno anche quelli che vendono fiori e piante.
Saranno sei gli ingressi predisposti sul viale e altrettanti in via Roma e rimarranno in vigore le stesse regole delle scorse settimane: si potrà accedere alle aree soltanto se muniti di mascherina e se la temperatura corporea è inferiore ai 37,5°. Non verrà più misurata la temperatura all’ingresso, ma la squadra di 12 vigili e di oltre 25 volontari delle associazioni cittadine, che saranno sul posto per verificare che non si creino assembramenti, potranno provarla se lo ritengono necessario.
In via Roma ci saranno 35 banchi, 4 saranno presenti nel tratto tra le rotatorie di piazza Bimba e di piazza Picco, 51 quelli del “non alimentare” in viale Regina Elena a cui si aggiungono i banchi dei produttori agricoli. Nel tratto di viale Alpi i posteggi, sempre per il settore non alimentare, saranno 10. L’ordinanza del sindaco prevede inoltre “di confermare l'ubicazione e l'attuale assegnazione dei 21 posteggi in Largo Eroi (lato Bastioni) e Viale Alpi e nel tratto compreso tra le due rotatorie di Piazza Picco e di Piazza Bima in quanto le caratteristiche della strada consentono il rispetto e l'attuazione delle misure di sicurezza in oggetto”.
Chi non rispetta quanto stabilito dall’ordinanza sindacale potrà incorrere in una sanzione da 400 a 3 mila euro.