Il mondo del jazz con la morte di Bruno Astesana perde un grande artista

Ha suonato con personaggi nazionali e internazionali. I funerali martedì alle 10 nella parrocchiale di Villafalletto

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il mondo del jazz è in lutto per la morte di Bruno Astesana, mancato all’età di 67 anni all’ospedale Santa Croce di Cuneo dove era ricoverato da alcuni mesi.
Astesana, nato e vissuto a Villafalletto, dopo aver frequentato i corsi del Berklee College of Music di Boston si era perfezionato con personaggi di calibro fra cui Skip Hadden, Tommy Campbell, Ed Uribe… ritagliandosi un ruolo di tutto prestigio nel mondo musicale, in particolare del jazz collaborando con grandi nomi nazionali e internazionali. È stato percussionista nell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e al Teatro Regio di Torino e ha insegnato nei civici istituti musicali di Mondovì, Savigliano, Fossano e Borgo San Dalmazzo, oltre che a Torino; dopo aver insegnato per alcuni anni al conservatorio Tartini di Trieste, di Matera e infine in quello di Alessandria.
“Il mondo musicale perde un grande artista – ricorda il suo amico Alessandro Tonietta – e Villafalletto perde un grande uomo. Fin da piccolo è sempre stato una persona buona, sensibile, attenta, gentile. Nonostante i suoi successi, i premi, i riconoscimenti e le sue tournée quando lo incontravi per tutti noi era semplicemente Bruno. Perché è così che si palesava quando lo incontravi per strada”.
Lascia la moglie Patrizia Lovera, la suocera Gina, la cognata suor Maria Antonietta.
Il funerale sarà celebrato martedì 26 maggio alle 10 nella chiesa parrocchiale di Villafalletto.