Emergenza Casa: un aiuto contro gli sfratti in arrivo dalla Fondazione Crc

Erogata per Fossano una somma di 39.500 euro. Intanto la Regione rifinanzia i contributi per gli affitti

Fossano alto - La Fedeltà

La Fondazione Crc finanzierà anche nel 2020 le spese del fondo “Emergenza Casa”, giunto alla 9ª edizione e destinato a 17 Comuni della Granda. La somma complessiva è di 500 mila euro, quella erogata per la città di Fossano ammonta a 39.500 euro e verrà impiegata per prevenire locazioni a rischio morosità (e gli sfratti che ne conseguono).

Il sostegno economico è una tantum e può essere di 850, 1.300 o 1.700 euro per famiglia. La particolarità di questa misura è che viene richiesta dall’inquilino a nome del proprio nucleo familiare (le domande possono essere presentate dal 1° settembre al 30 ottobre), ma erogata a favore del proprietario dell’alloggio in cui risiede, se disponibile a sottoscrivere con il Comune un patto di solidarietà con cui si impegna a non eseguire lo sfratto per almeno 6 mesi e a comunicare come è stata spesa la somma.

In parallelo con la Fondazione Crc si è mossa anche la Regione Piemonte che ha erogato a Fossano una somma ulteriore di 124 mila euro come contributo per l’affitto, destinato in questo caso agli inquilini che dispongano dei requisiti richiesti, a ristoro di spese sostenute negli anni 2019 e 2020.

Il fondo di sostegno alla locazione non era più previsto dal 2015 e Fossano sarà chiamato a fare da capofila per 12 Comuni: Bene Vagienna, Castelletto Stura, Centallo, Cervere, Genola, Lequio Tanaro, Montanera, Salmour, Sant’Albano, Tarantasca, Trinità e Villafalletto, con i quali dovrà suddividere il contributo.

Le domande vanno presentate tra il 1° e il 30 settembre.

Sia per l’Emergenza Casa che per il sostegno alla locazione, le domande da compilare sono scaricabili online dal sito del Comune o ritirabili presso l’Ufficio Casa del Municipio.

Articolo completo su "la Fedeltà" di mercoledì 2 settembre